Coppa Agostoni | Tutto pronto per la 74a Coppa Agostoni
1341
post-template-default,single,single-post,postid-1341,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive
 

Tutto pronto per la 74a Coppa Agostoni

Tutto pronto per la 74a Coppa Agostoni

L’ultima classica della stagione prenderà il via da Lissone lunedì alle 12.15.
Diretta RAI dalle 15.00. Deciderà il Trittico Regione Lombardia.
17 le formazioni, compresa la Nazionale. Parata di campioni: Chris Froome (alla sua
prima Agostoni), Trentin, Moscon, De Marchi, Vlasov, Lutsenko, Riabushenko e Rui Costa.

 

Lissone, 8 ottobre 2021 – Un finale di stagione al cardiopalma, dopo un’annata ciclistica piena di emozioni. Lunedì si disputerà a Lissone la 74a Coppa Ugo Agostoni – Giro delle Brianze – Gran
Premio Banco BPM, ultima classica del 2021, organizzata dallo Sport Club Mobili LIssone. Chiuderà il Trittico Regione Lombardia. A 75 anni dalla prima edizione, la gara ritrova la sua forma originaria, dopo la parentesi del 2020 quando a causa della pandemia è stata disputata come Grande Trittico Lombardo in prova unica con Coppa Bernocchi e Tre Valli Varesine.

LE SQUADRE
Al via 17 formazioni di 7 corridori ciascuna: 6 UCI World Teams (Movistar, Astana-Premier Tech, Cofidis Solutions Credits, Israel Start-Up Nation, UAE Team Emirates, Intermarche-Wanty Gobert Materiaux), 6 UCI Pro Teams, 4 UCI Continental Teams e la Nazionale italiana di ciclismo. Mai prima d’ora tanti ciclisti di tale caratura: Chris Froome (4 Tour de France, 1 Giro d’Italia, 2 Vuelta a Epaña, alla sua prima partecipazione all’Agostoni), Matteo Trentin, il vincitore della Coppa Agostoni 2018 Gianni Moscon con la maglia della Nazionale, forse il campione del mondo Alejandro Valverde e certamente Alexey Lutsenko, Alexsandr Vlasov, Alexsandr Riabushenko, Guillaume Martin, Lorenzo Fortunato, Hector Carretero, Alessandro De Marchi, Dario Cataldo, Maximiliano Richeze, Jan Polanc e Rui Costa.

IL PERCORSO
Da Lissone a Lissone, 180 chilometri senza un attimo di respiro. “La Coppa Agostoni è una gara unica, perché è aperta sia a un possibile arrivo in volata sia a dei coraggiosi attaccanti che possono fare gli ultimi 30-40 chilometri in fuga e poi giocarsela nel centro di Lissone”, ha detto Andrea De Luca, commentatore del ciclismo per i canali RAI, che sarà al microfono lunedì pomeriggio per raccontare l’edizione 2021 della gara.
Confermato il percorso, poco variato rispetto a quello consueto. Lo start alle 12.15 da via Catalani, il traguardo circa quattro ore e mezza dopo, tra le 16.20 e le 16.35, in via Matteotti. Dopo la partenza, un primo circuito di 37,5 chilometri che riporterà i ciclisti a Lissone, quindi un tratto interlocutorio di 23,5 chilometri di salita, dolce ma continua, verso il cuore della corsa, i quattro giri del Circuito del Lissolo, di 24 chilometri, con le asperità di Sirtori, Colle Brianza e appunto Lissolo, un saliscendi secco che porta il dislivello complessivo a 1.836 metri e richiede cuore, testa e agilità, prima del traguardo cittadino che ama le ruote veloci. Ultimi 5 chilometri totalmente in pianura, con tre curve soltanto, ma in grado di spezzare l’eventuale gruppo. Ultimo chilometro completamente rettilineo.
La salita che apre il Circuito, Sirtori, è lunga 1,4 chilometri, ha un dislivello di 89 metri con una pendenza media del 6,1%. La salita al Colle Brianza è più lunga: 4 chilometri, per un dislivello di 228 metri con
pendenza media del 5,7% e punte massime del 12% nei primi 1.200 metri.
La salita del Lissolo è più breve ma più impegnativa, perché caratterizzata da improvvisi cambi di pendenza, con strappi molto ripidi alternati a tratti in falsopiano e anche in discesa. Il tracciato classico, che caratterizza la Coppa Agostoni, è lungo 1,6 chilometri, con un dislivello di 142 metri, pendenza media dell’8,7% con punte massime del 15% nel tratto dopo il Monastero di Bernaga, quando la strada s’inoltra nel bosco e lo scenografico passaggio del gruppo rende l’immagine poesia pura.
Dal 1987 il Lissolo ha sostituito il Ghisallo come cuore pulsante della gara. Tra le azioni memorabili su questa salita, quelle di Maurizio Fondriest nel 1990, di Gianni Bugno nel 1995 e di Laurent Jalabert nel 2002, tutti poi risultati vincitori sul traguardo di Lissone, arricchendo un palmarès eccezionale che ha visto tra i protagonisti anche Merckx, De Wlaeminck, Francesco Moser e Saronni.
La lunghezza della gara quest’anno è diminuita da 195 a 180 chilometri, perché sono stati eliminati i due giri finali intorno a Lissone.

IL PROGRAMMA
Alle 10.15 di lunedì 11 ottobre, presso lo Stabilimento CLEAF, in via Bottego a Lissone, avrà inizio la presentazione delle squadre e la firma del foglio di partenza.
Alle 12.10 da via Bottego avverrà la partenza ufficiosa, mentre alle 12.15, da via Catalani, la partenza ufficiale km 0.
La premiazione si terrà sul podio di via Matteotti. Al termine della premiazione della Coppa Ugo Agostoni – Giro delle Brianze – Gran Premio Banco BPM, verrà premiato anche il vincitore del
Trittico Regione Lombardia 2021.

COPERTURA TV
La 74a Coppa Agostoni riceverà un’ottima copertura televisiva.
RAI è host broadcaster e trasmetterà la gara in diretta in chiaro su Rai Sport +HD dalle 15.00 alle 16.30.
I broadcaster esteri sono Eurosport (su circa 70 Paesi del territorio EBU), L’Equipe (Francia e altri 14 Paesi del mondo), TV2 (Danimarca), che trasmetteranno anch’essi la gara in diretta e
proseguiranno fino alle 16.50 ovvero al momento delle premiazioni.

I TROFEI D’AUTORE
L’Amministrazione Comunale di Lissone ha scelto di proseguire nella consolidata tradizione dei suoi Trofei d’Autore: i premi per i primi tre classificati saranno realizzati dagli artigiani lissonesi associati ad APA Confartigianato Imprese, che da 9 anni sono partner della Coppa Agostoni. I Trofei saranno interamente “Made in Lissone”, progettati e realizzati da imprese del territorio.
Il legno è il materiale che contraddistingue tutte le creazioni dal 2012 a oggi: la creatività di imprese, designer e studenti dell’Istituto Giuseppe Meroni hanno permesso di costruire una storia che rende Lissone “città del mobile e del design” protagonista anche sul podio finale della Coppa Agostoni.
Le imprese che hanno realizzato i Trofei d’Autore sono:

Res Artis
La bottega Res Artis ha sede a Lissone e ripercorre la storia del mobile brianzolo in una vicenda di famiglia portata avanti da Marco Sangalli. Tecnica, manualità e ricerca si mescolano in perfetto
equilibrio per dare senso all’oggetto, dove forme materiali e cura dei particolari rendono unico ogni pezzo.

Mob-Int
Un gruppo di 30 persone tra artigiani, progettisti, amministratori e management che viene da lontano, dall’esperienza del luogo in cui opera, la Brianza, e che lavora con una visione comune: produrre idee, portando il bello e il proprio know-how produttivo nelle realizzazioni. Mob-Int realizza ambienti casa, ufficio e contract, in Italia e nel mondo.

Citterio Fratelli & C.
Citterio Fratelli nasce a Lissone più di 150 anni fa, tramandando per 7 generazioni competenze e talento per soddisfare le esigenze dei clienti e ponendo attenzione al design moderno senza trascurare la qualità della tradizione artigiana. Citterio Fratelli segue i progetti dall’idea fino alla consegna e al montaggio in casa o in ufficio.

 

LA COPPA AGOSTONI
75 anni di storia. La prima Coppa Agostoni è stata organizzata dallo Sport Club Mobili Lissone nel 1946, qualche mese dopo la fondazione del club. È stata dedicata al più grande campione lissonese di ciclismo, Ugo Agostoni, vincitore tra l’altro del Giro dell’Emilia nel 1912 e della Milano-Sanremo del 1914, secondo al Giro d’Italia del 1912 (classifica a squadre). Col tempo l’Agostoni ha guadagnato gradi e importanza, passando da gara riservata alla categoria indipendenti a quella dei professionisti e dei professionisti internazionali. I più grandi campioni hanno firmato il suo albo d’oro: da Gimondi a Merckx, da Zilioli a Bitossi, e poi De Wlaeminck, Moser, Saronni, Battaglin, Fondriest, Konyshen, Bugno, Cassani, Tafi, Ullrich, Casagrande, Jalabert. Visconti, Gavazzi, Modolo, Pozzato, Rebellin, Colbrelli, Moscon, fino all’ultimo vincitore, Alexsandr Riabushenko, che ha firmato l’edizione 2019. Con la Tre Valli Varesine e la Coppa Bernocchi, fa parte del Trittico della Regione Lombarda. Dal 1996 al titolo “Coppa Agostoni” si è aggiunto quello di “Giro delle Brianze”, perché è l’unica gara con percorso interamente brianzolo-monzese e lecchese.

 

Ufficio Stampa Coppa Agostoni
Luca Delli Carri
+39.380.7805324
dellicarri.luca@gmail.com
coppaagostoni.it